logo
taxi sms firenze taxi telefono firenze

La pallina da tennis – di Luca Sellerio (Firenze 02) – ” F 104″

Lei, da sopra le scale davanti alla porta a vetri dell’albergo con accanto la valigia, mi osservava intensamente. Io, dall’interno della macchina la guardavo con occhi dilemmatici.Lei continuava a fissarmi e quando i nostri occhi si incrociavano, distoglieva timidamente lo sguardo per un’attimo, per poi tornare subito alla ricerca del mio.Io abbozzavo un sorriso d’incoraggiamento. Lei si dondolava alternando il peso sui piedi, in un atteggiamento di lieve imbarazzo. Io, con una smorfia crudele ostentavo indifferenza. Avevo chiaramente capito che era lei la mia cliente, ma mi stavo domandando come fosse possibile che una persona che aspetta un taxi, vedendolo arrivare, rimanga ancora ferma ad aspettarlo. Che sia in attesa di un’invito formale? Prego signora vuole ballare con me? No, questo non è il caso di una serata di gala! Una richiesta in carta da bollo in triplice copia? Certo, siamo in Italia e la burocrazia impera sovrana ma salire su un taxi non dovrebbe essere così complicato. Sorridendo al pensiero di un ammiccamento, con un movimento sensuale con le labbra accompagnato dall’occhiolino intrigante, mi decido, scendo dalla macchina e avvicinandomi a lei opto per un più professionale : < Buongiorno, il taxi è per lei?>,con un sorrisetto spaurito mostrandomi il bigliettino dell’albergo, mi risponde timidamente con un fil di voce : Raccogliendo le braccia che mi erano cadute a terra, vengo assalito dalla voglia di risponderle con un vocione tipo ruggito, ma poi la paura di spaventarla mi fa decidere per un tono più profondo e sensuale : < Grazie per la sua correttezza e attenzione, sono in sostituzione del collega che è troppo lento! Hanno mandato me per offrirle un servizio migliore, io sono F 104, sono più veloce … io volo! N.d.a. : Il Lockeed F 104 Starfigter, è un caccia intercettore che è stato in dotazione anche all’Aereonautica Militare Italiana dal 1963 al 2004.