logo
taxi sms firenze taxi telefono firenze

La Pallina da tennis di Luca Sellerio(Firenze 02) – Fragolina

Fatti i soliti convenevoli e conosciuta la sua destinazione la cliente dopo qualche minuto esordisce con una domanda che mi lascia alquanto interdetto.
“Ma lo sa che lei qui dietro ha una bella fragolina?” Dice con uno strano sorrisetto tendente al malizioso che non riesco ad interpretare.
Nello specchietto vedo riflessa una donna di una sessantina d’anni, bionda tinta di un giallo stonato, spettinata, grassoccia un po’ sfatta, con il trucco tirato via come l’abbigliamento che sembra le sia stato buttato addosso senza nessun gusto.
L’impressione generale è quella di una persona davvero sciatta, così che tra questa
donna e una “bella fragolina” ce ne corre assai!
“Che cos’è che ho io li dietro?” Chiedo con molta cautela.
“Una bella fragolina!” Mi ripete la donna.
Allora avevo sentito bene ma continuo a non capire. Che stessi subendo un tentativo d’approccio indesiderato?
Penso che la donna stia un tantino esagerando. Ma a casa avrà gli specchi di legno?
“Una “fragolina” … in che senso?” Insisto incredulo.
“Si, si! Una fragola, di quelle rosse! Come la devo chiamare?” Continua lei e quasi
mi viene il dubbio che si stia davvero al frutto.
“E … com’è?” Chiedo nella speranza che si riferisca davvero al frutto e al tempo stesso preoccupato che, in quell’eventualità possa essere già stata calpestata e spiaccicata sul tappetino o peggio ancora sul sedile.
“E’ proprio bellina. Sembra fresca fresca . Anzi verrebbe quasi voglia di assaggiarla.”
Non capisco se i doppi sensi siano cercati o casuali e nel dubbio non mi sento assolutamente tranquillo.
“Chi è che deve assaggiare cosa?” Un brivido mi ghiaccia la schiena pensando al disgraziato costretto ad assaggiare “quella” fragolina. Spero che non le passi nemmeno per la controcassa del cervello coinvolgermi in tale avventura.
“La fragolina che è li.” Insiste ancora.
“Ma che è li dove? Sul sedile?” Chiedo terrorizzato immaginandomi lo scempio.
“Aspetti che la prendo e gliela faccio vedere.”
“Nooooo. Per carità! Non mi faccia vedere niente.”
“Allora la lascio li dov’è?”
“Si per cortesia abbia pietà.”
“Va be’ ma poi le conviene raccoglierla perché se no qualcuno prima o poi la pesta e le sporca tutta la macchina.”
La donna scende al suo indirizzo e a quel punto, finalmente solo, mi permetto di gettare un’occhiata dietro e sul tappetino vedo davvero una bella fragolina rossa che sembra ricambiare il mio sguardo facendomi l’occhiolino.

Chiama ora il tuo Taxi